Arte in circolo – Anteprima – Dal 29 novembre ore 17.30 – Circolo PD Porta Romana

E’ tutto pronto per l’avvio della rassegna “Arte in circolo”, molti lavori sono stati fatti nella sede del circolo e altri ne rimangono da fare; ma ecco una piccola anteprima di cosa potrete vedere dal 29 novembre alle 17.30: la mostra “Le foto dell’Incontro”.

VI ASPETTIAMO!

20141122_160130

LINEcamera_share_2014-11-23-14-37-26

20141122_172842

Arte in Circolo locandina6 20141129

Annunci

Non solo di banca

Le imprese hanno solo le banche a cui rivolgersi per cercare finanziamenti? E se ci fossero delle alternative? Ne parlano lunedì 24 novembre al CAM Ponte delle Gabelle via San Marco 45 ore 21.00 Bernardo Attolico, Fabio Bolognini, Giuseppe G. Santorsola, e Giampaolo Galli, con il coordinamento di Francesco Fioretto.

24 Novembre (1)

La Buona Scuola – martedì 11 novembre

Giovedì 30 ottobre scorso durante il primo incontro di discussione sulla riforma della scuola promossa dal Governo, i partecipanti hanno  scelto di concentrare l’attenzione sugli argomenti relativi all’area della “nuova visione educativa”. I temi sono quelli contenuti nei capitoli 4, 5 e 6 della proposta “La Buona Scuola”.
In particolare, in quell’incontro sono emersi alcuni spunti  che potrebbero essere trasmessi come osservazione e stimolo al Ministro Giannini e ai nostri rappresentanti nelle Commissioni Istruzione . Eccoli in sintesi :

  • Il rafforzamento del piano formativo previsto anche attraverso nuove materie, attività formative e sportive , dovrebbe prevedere la revisione dell’orario scolastico con il possibile impiego anche del pomeriggio. Può essere questo un punto da caldeggiare per ottenere una migliore integrazione tra didattica e attività formative e sportive ? Senza dimenticare motivi sociali e una maggiore coerenza della scuola  con l’attuale organizzazione della vita delle famiglie e il fatto che questa estensione di attività pomeridiane  costituirebbe  una base concreta verso le Scuole aperte .
  • Nuova alfabetizzazione sulle lingue straniere : come valutare  gli esperimenti già in corso in alcune scuole di  Milano ?
  • L’alternanza scuola/lavoro prevista  negli ultimi 3 anni negli Istituti Tecnici e Professionali è auspicabile che possa essere estesa  a tutte le scuola superiori?
  • Il progetto di ridurre il percorso scolastico elementari/medie da 8 a 7 anni è stato forse troppo frettolosamente accantonato?  Ci sono aspetti educativi, organizzativi e sociali che possono rimetterlo al centro di un disegno ampio che preveda anche un più razionale uso delle risorse?

Partendo da questi spunti la serata di martedì 11 servirà per mettere a punto assieme la nota da inviare come Coordinamento PD Zona 1 al Ministero dell’Istruzione.

Martedì 11 novembre 2014, h. 21,00
Circolo PD Milano Centro corso Garibaldi 75

Città Metropolitana – La Proposta di Zona 1

Mercoledì 5 novembre alle 21 presso il circolo PD Milano Centro Aniasi in corso Garibaldi 75 è convocato il coordinamento di zona, aperto a iscritti ed elettori che ha per tema la città metropolitana.
Filippo Barberis, capogruppo PD in consiglio metropolitano, e Lorenzo Gaiani, sindaco di Cusano Milanino, ci informeranno sullo stato dell’arte della costituenda città metropolitana e del suo statuto, che definirà le competenze e gli ambiti della città metropolitana, dei comuni e delle zone di decentramento che la compongono.
A questo link trovate il documento che riassume la visione condivisa con il gruppo PD in consiglio di zona 1 sul ruolo dei decentramenti cittadini, che verrà discusso presentato in federazione e ai nostri ospiti.

Sono Tutti Leoni Col Governo Degli Altri

Più o meno un anno fa Renzi tuonava contro la Cancellieri, rea di aver compiuto telefonate assolutamente inadeguate al ruolo di ministro che ricopriva all’epoca, sostenendo che il “nuovo PD” non l’avrebbe mai salvata dalla sfiducia presentata in Aula da SEL e dalle altre opposizioni.

“Il vecchio Pd” invece salvò la Cancellieri.

Meraviglioso! Finalmente quindi oggi abbiamo un Presidente del Consiglio che non accetta l’incompetenza, che non tollera che un ministro menta in aula davanti al Parlamento. Il “nuovo Pd” così coraggioso, così proiettato al futuro certo non accetterà che un ministro non si assuma le responsabilità proprie di un così alto incarico. Davanti alle logiche tattiche e strategiche avremo finalmente il rispetto delle istituzioni!

E invece il nuovo Pd prende le distanze dalla mozione di sfiducia, sempre presentata dagli ex alleati di Sel, contro il nuovo alleato Alfano, quello del Lodo Alfano, quello del caso kazako, quello dell’incapacità di gestione dell’ordine pubblico e delle manifestazioni (Gazebo, Rai Tre, domenica 2 novembre).

È talmente nuovo questo Pd che ricorda maledettamente il “vecchio”!

Filippo Sannazzaro