NEWSLETTER N. 1 DEL GRUPPO CONSILIARE DEL PARTITO DEMOCRATICO AL MUNICIPIO 1

Carissimi,
con questa prima newsletter ha inizio la comunicazione periodica del gruppo consiliare del Partito Democratico al Municipio 1 con la quale vogliamo comunicare le attività, le scelte e i provvedimenti più importanti presi dal Municipio 1 e dal suo Consiglio.
La newsletter sarà parte integrante della rubrica TUTTIPERUNO  su questo sito dove potrete trovare tutte le newsletter dei gruppi consiliari PD in Municipio 1 e in Consiglio Comunale.
Nella rubrica saranno inoltre disponibili dei FOCUS su alcuni provvedimenti,  consultabili interamente anche tramite i link diretti all’Albo Pretorio e all’Archivio delle Delibere.
Inoltre sulla rubrica, tramite sito e pagina facebook, ognuno di voi potrà interagire, proponendo temi di dibattito, segnalando problemi o esigenze relative al Municipio 1.

cropped-3046232059_7b824cded5_o14

rxv09qy

Lorenzo Pacini – Capogruppo PD Consiglio di Municipio 1
Editoriale

I primi mesi di avvio della nuova consigliatura, in Municipio 1, sono stati carichi di lavoro per il Presidente, gli Assessori e tutti i consiglieri del centrosinistra. Su tutti i temi di cui ci stiamo occupando, i disagi dovuti ai cantieri M4 sono certamente una delle questioni che maggiormente necessità di attenzione: sostegno alle attività commerciali più danneggiate, tutela sosta per i residenti, efficienza del trasporto pubblico locale, gli obiettivi da raggiungere. Continua inoltre, come ogni anno, l’attività di indirizzo del Consiglio sulle iniziative che si svolgono all’interno delle biblioteche rionali, sugli stanziamenti per attività sociali, culturali e scolastiche, oltre che sulla manutenzione ordinaria e straordinaria di strade ed edilizia scolastica. Sono tante le aree del centro storico alla nostra attenzione e su cui questa amministrazione può e deve lasciare il segno: piazza Sant’Agostino e la sua riqualificazione, la valorizzazione turistica e ambientale della città Romana (già iniziata con la Giunta Pisapia), l’arrivo dell’Apple Store in piazzetta Liberty, la realizzazione della piscina in via Fatebenesorelle, e tanti altri progetti di cui avremo occasione di parlarvi nei prossimi numeri della nostra newsletter.
Nel frattempo, un caro saluto da parte di tutto il nuovo gruppo consiliare del Partito Democratico del Municipio 1!

cropped-3046232059_7b824cded5_o14

rto5ctb

Tania Pozzi  –  Consigliere Municipio 1 – Rappresentante DUC Sarpi di Milano
L’Anno del Gallo, l’Anno del Bando 雞年,年度公告

Il 2017.  Il Comune di Milano e Regione Lombardia, in collaborazione con il Politecnico – Dipartimento di Architettura e Studi Urbani, hanno avviato un progetto di valorizzazione ed attrattività del DUC-Distretto Urbano del Commercio SARPI. A breve verrà attivato il Bando per l’assegnazione  e l’affidamento dell’ideazione e realizzazione dello stesso. Le risorse disponibili (circa 200.000 euro) potranno essere utilizzate per spese correnti, azioni di comunicazione e promozione dell’identità del distretto, marketing urbano e territoriale. Le azioni di promozione e valorizzazione integrata del DUC Sarpi saranno programmate e pensate per coprire un arco temporale di 12 mesi, con attuazione a partire dalla metà del 2017. L’Anno del Gallo.
Nel Quartiere c’è fermento, c’è molta voglia di partecipare a questo progetto di attrattività e valorizzazione, da parte non solo dei commercianti e delle tante associazioni di zona, ma anche delle varie realtà come la scuola, l’oratorio e il suo teatro, il GAS di Quartiere ed  anche tante singole persone che vivono e lavorano in Chinatown e vorrebbero dare il proprio contributo. Io la leggo come un’opportunità, un’opportunità che parte dall’alto ma una sfida che dev’essere giocata dal basso, dalla strada, la Paolo Sarpi.
La Chinatown nel Borgo degli Ortolani, quartiere in cui peraltro vivo da tanti anni, è un esempio di convivenza multiculturale riuscito. C’è ancora molto da fare e questa è un’occasione ed una sfida da giocare proprio sulla forza delle differenze.
Anche il Municipio 1 ha contribuito alla definizione delle linee di indirizzo del bando, considerando un elemento fortemente qualificante la volontà di coinvolgere le varie realtà di questo distretto urbano. Come delegata del Consiglio all’interno del DUC Sarpi, sono naturalmente disponibile, una volta assegnato il bando, a collaborare per “radunare” in un tavolo condiviso, di ascolto, le varie realtà di Quartiere.
你好,公雞應與你 Nǐ hǎo, gōngjī yīng yǔ nǐ

cropped-3046232059_7b824cded5_o14

rrvu2ue

Gaia Chaillet Giusti  –  Consigliere Municipio 1 – Presidente Commissione Ambiente, Verde, Arredo urbano, Demanio
Il verde verticale: no all’inquinamento, sì al decoro urbano

 Malgrado gli enormi progressi ottenuti negli ultimi anni quali il potenziamento costante dell’area C e delle aree pedonali, così come l’uso sempre più ridotto delle auto private, a Milano i livelli di inquinamento sono purtroppo ancora troppi alti, dovuti anche ad un clima sempre più secco. Il verde rappresenterebbe un vero toccasana contro l’inquinamento. Le piante infatti generano ossigeno, migliorano la qualità dell’aria assorbendo direttamente i vari agenti inquinanti. Ma non pensiamo solo ad alberi da piantare nei parchi e nei giardini: perché non sfruttare invece le tante pareti verticali degli edifici comunali e anche privati in modo da espandere la superficie verde della città? Il verde verticale rappresenta una grande opportunità per la Milano del futuro. Le sue funzioni infatti sono molteplici e per una città che cerca disperatamente soluzioni contro l’inquinamento soffocante dei mesi invernali, sono una straordinaria opportunità. Cosa si intende per verde verticale? Piantare rampicanti a crescita rapida sulle facciate degli edifici vegetalizzandole. I rampicanti, quale ad esempio la vite americana, non sono costosi e capaci invece di ricoprire in poco tempo grandi superfici: sfruttiamoli! Farlo sia in centro che in periferia, immaginando di colonizzare anche i piloni dei cavalcavia, darebbe nuova vita alle facciate di edifici dismessi e degradati. Si potrebbe in tal modo aumentare la superficie reale del verde senza dover ricorrere alla creazione di nuovi giardini in una città ormai povera di spazi liberi. Crescerebbe così il numero di piante pro capite regalando un gran beneficio all’aria che respiriamo.
Il Municipio 1 segue con passione e costanza il monitoraggio territoriale sia del verde ambientale che del traffico, cercando continuamente soluzioni per la situazione ambientale.
Città del Messico, una delle città più inquinate al mondo, ha sviluppato una strategia politica dedicata ad accrescere la superficie verde onde evitare gli effetti devastanti dell’inquinamento. Ha trasformato i piloni delle sopraelevate in veri e propri giardini verticali. E’ un bellissimo esempio da seguire.

cropped-3046232059_7b824cded5_o14

rh1e060

Alberto Poli  –  Consigliere Municipio 1 – VicePresidente Commissione Urbanistica, Mobilità, Commercio
Strade accessibili e revisione della sosta su strada, i primi mesi di Commissione.

Tutti noi utilizziamo la strada, parcheggiamo, acquistiamo e abitiamo. Vorrei qui richiamare la vostra attenzione su due provvedimenti che hanno caratterizzato il nostro lavoro nei primi sei mesi di consigliatura e che interessano tutti i cittadini del Municipio 1: “sosta” e “manutenzione stradale”. Se pensiamo che il suolo pubblico, ed in particolare la strada, debba essere destinato alla fruizione del maggior numero possibile di utenti e cittadini, ne consegue che la sosta su strada andrebbe il più possibile riservata ai residenti, recuperando spazio anche per altre attività, mentre le esigenze di sosta di chi proviene dall’esterno del Municipio andrebbero soddisfatte mediante strutture dedicate (parcheggi e autorimesse convenzionate) oggi spesso semivuote.
Ecco in sintesi gli indirizzi su cui il Municipio è impegnato
Strisce blu gratuite per i residenti di ogni sotto-ambito di sosta e loro progressiva riduzione a vantaggio di altri usi come: strisce gialle, sosta dei motocicli, circolazione delle bici e miglioramento della fruizione pedonale e della sicurezza stradale.
Confini flessibili dei sotto-ambiti di sosta: in quelle vie dove oggi si parcheggia rigidamente da un lato con un numero di sotto-ambito e dall’altro lato con un altro numero si dovrebbe poter parcheggiare con entrambi i numeri di sottoambito.
Razionalizzazione della sosta per taxi e Corpi Consolari tramite verifica dell’indispensabilità degli spazi di sosta dedicati, con una loro eventuale riduzione in favore degli usi già descritti.
Fruibilità, decoro e sicurezza delle strade a tutela dell’utenza più “debole”, ovvero in prossimità di ospedali, scuole e uffici pubblici, per estendersi poi a tutto il Municipio con interventi di manutenzione dei marciapiedi, rimozione delle barriere architettoniche, sistemazione del pavé, rimozione dei binari in disuso.
QUI POTETE CONSULTARE LE MANUTENZIONI STRADALI DELIBERATE DAL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO
http://www.comune.milano.it/albopretorio/AlboPretorioWeb/showdoc.aspx?procid=171683&docid=ALS4SLNQRJ350UZS
Il lavoro continua …

cropped-3046232059_7b824cded5_o14

unnamed

Lorenzo Sitia  –  Consigliere Municipio 1 – Presidente Commissione Educazione, Sicurezza, Coesione Sociale

Vaccinarsi per il bene nostro e di chi ci sta intorno, una buona pratica dalla California.

Un’epidemia di Morbillo verificatasi in uno dei parchi più noti al mondo, Disneyland in California, a cavallo tra fine 2014 e inizio 2015 con più di 80 casi in poche settimane e un decesso; è da questo episodio che il Prof. Andrea Biondi, ordinario di pediatria all’ospedale San Gerardo di Monza è partito per introdurre il tema delle vaccinazioni. Sottolinea il Guardian come proprio la Contea di Orange County in California (contea in cui si trova il parco), zona particolarmente benestante, sia a forte rischio epidemia perché i genitori che vivono lì hanno iniziato a rimandare le vaccinazioni dei propri figli, nella falsa credenza di vivere in una “bolla” sicura e che esistano degli effetti collaterali pericolosi (magari leggendo articoli diffusi via internet da siti pseudoscientifici e di “buon senso”).
Queste false convinzioni stanno peraltro facendo diminuire il numero di bambini vaccinati un po’ in tutto il mondo occidentale. A Milano e area Metropolitana, per fare un esempio, la popolazione in età scolastica vaccinata è ormai sotto gli obiettivi minimi di sicurezza del 95% (siamo oggi al 93%), in calo circa del 2% all’anno.
Riporto alcuni link a siti che spiegano bene le motivazioni per cui ci si deve vaccinare;

Non vaccinare il proprio figlio è un pericolo non solo per lui, ma anche per chi gli sta vicino: neonati, immunodepressi, persona in cura chemioterapica, corrono enormi rischi dati dal ripresentarsi di malattie contagiose, facilmente prevenibili con le vaccinazioni e casi recenti di cronaca sono purtroppo a raccontarlo.
Ma perché partire dalla California? Perché dopo l’epidemia di Morbillo, lo stato tra i più liberali al mondo ha varato una legge che impedisce agli studenti non vaccinati (se non per motivi medici) di frequentare le scuole sia pubbliche che private. Ed è proprio quanto richiesto dal Municipio 1 in una mozione votata sul tema, ovvero “non accettare nei servizi all’infanzia (a cominciare da nidi e materne) offerti dal Comune di Milano, bambini che non abbiano assolto agli obblighi di vaccinazione”. In questa direzione sta andando per fortuna anche l’azione del Governo, con il recente accordo con le Regioni in tal senso, partendo da quanto ha già stabilito ad esempio la Regione Emilia Romagna.

Annunci